l’altalena

I pensieri che si aggrovigliano in una matassa di polvere da cui escono gambe e braccia alla rinfusa, come nelle zuffe dei cartoon. Senso di abbandono di ogni speranza e poi di rinnovata energia. Paura per un solco incolmabile. Questa e’ l’altalena del fine settimana.

Ieri era l’anniversario di matrimonio di Corrado e Anna.

Festivaletteratura

Avrei vermaente tanto da scrivere su questi due giorni mantovani. il festivaletteratura e’ stato veramente pieno di stimoli pedr la mente. sabato la moglie di Terzani racconta degli scritti del marito che sta per raccogliere sulla cambogia, da ricordare: l’impegno politico e sociale, la curiosita’ per l’oriente vanno a sfumare negli ultimi anni della vita di Terzani per diventare una riflessione intimista e buddista. Come se la storia che si ripete di guerre e errori in questi anni nonostante vietnam ecc lo avesse demoralizzato e lo portasse a cercare la soluzione non nel cambiamento della sociata’ ma nel cambiamento dell’individuo singolo.

pomeriggio poi incontrato la Comencicni, regista candidata anche all’Oscar. La discussione verteva sul fatto che le persone che hanno cobattuto per il comunismo negli anni 70, poi hanno dovuto fare i conti con il muro di berlino, con le nefandezze del comunismo incarnato nell’Unione Sovieta. Questo e’ anche il tema del suo libro appena uscito.

Gli interventi sono stati belli, uno diceva che lui e’ comunista e che suo padre arrivava a casa il 27 e diceva: questi soldi sono per tutti e quando finiscono non ce n’e’ per tutti. Altri dicevano che gli idealismi nonservono piu’, stessa cosa per partiti religioni ecc ecc e bisogna passare alle piccole cose del giorno dopo. La comencini e’ veramente interessante come persona.

abbiamo dormito qui in un agriturismo, molto spartano ma a buon prezzo (20€). Peccato che i pescatori che il giorno dopo sul Mincio avevano una gara, abbiano fatto un gran casino.

Il giorno dopo abbiamo visto due toscani che parlavano di gialli, veramente simpatici e dissacranti, su Firenze e sui fiorentini. Non hanno certo risparmiato gli epiteti.

Alle 12 poi abbiamo seguito la parte piu’ interessante della giornata, Diamanda Galas. Una donna americana ma di chiarissime origini e tradizioni greche, cantante (o melgio performer art). Dal carattere duro ma passionale, contro ogni tipo di ignoranza e piena di energia. Capace di riflettere l’energia negativa altrui contro i muri che ostacolano. Veramente una donna interessante e coinvolgente. Arrabbiata con l’ignoranza e la presunzione, innamorata dello spirito.

Poi incontrato Eleonora e Paolo, poi ultime canzoni del concerto di  Daniele Silvestri, per finire uno spettacolo radiofonico di rai3 con 3 autrici da ridere, un poeta in dialetto milanese, e un mussulmano antipatico al mondo. Conduttore eccezionale.

Alla prossima edizione!

sai che sei un amico…..

Ma cosa avra’ voluto dire con questa frase? boohhhh

giornate intense invece da Sabato in poi, passo dello Stelvio in 3ore e 30 arrivato su con un bel po di distacco dai colleghi. Il rampichino della Paola fa il suo dovere ma il fiato non riesce a stare dietro alle gambe. Torno dopo un traffico assurdo a Bz, vado a prendere Ste e su al colle per il compleanno di Caio.

Torno a casa e passo una notte con i brividi e freddo. mi si informicala il mento e la mano ds.

Alle 13 vado a prendere la macchina in fiera, dopo un po la trovo con il vetro spaccato dietro, il babbo sara’ contento ;). Pomeriggio vado da Oscar al torneo di beachsoccer, faccio mezza partita, sono distrutto.

Lunedi sera si va da Gandolfi a salutare paolino e la sua amica londinese, bellissima serata, era tanto che non mi divertivo cosi’.

martedi me ne vado tutto il giorno a vendemmiare da Michael, giornata bellissima in mezzo alla gente contadina. pome arriva Ale con sua papa ad aiutarci. il lavoro è duro ma molto piacevole.

Sera 2 ore di doppio con Oscar, perso clamorosamente.

Mercoledi allenamento….. oggi per fortuna riposo.

Tante cose da fare ma il pensiero è sempre la, dolcezza come i chicchi d’uva e profumo. come alle 5 terre dove si trova la passeggiata dell’amore.